Gina La Mantia, www.ginalamantia.ch, PS-Ticino

Gina La Mantia
Gina La Mantia, www.ginalamantia.ch, PS-Ticino
Gina La Mantia, www.ginalamantia.ch, PS-Ticino
Gina La Mantia, PARTITO SOCIALISTA, Siamo la vostra voce
Gina La Mantia, PARTITO SOCIALISTA, per tutti non per pochi


Gina La Mantia


ginalamantia.ch
gina@ginalamantia.ch

candidata no. 87
al Gran Consiglio
Lista no. 4
Facebook page: Gina La Mantia

... per una politica della parità

(...) A volte in mia madre nacque il bisogno
di liberarsi, ma le salì agli occhi
una profonda amarezza, e nell'ombra pianse.


E tutto quel mordente, sconfitto, mutilato,
Tutto quello che nell'anima rinchiuso,
Penso che senza volerlo, io l'ho liberato.


Alfonsina Storni "Può ben darsi..."”
Per quanto riguarda la parità, le conquiste raggiunte fino a ora le dobbiamo a tutte le donne coraggiose che ci hanno preceduto sul cammino della rivendicazione delle pari opportunità e che, così facendo, hanno spianato le strade per noi e per le nostre figlie. Non è stata una lotta facile, per molte donne ha significato andare incontro a discriminazione, a disprezzo e anche a derisione. Ma la loro convinzione era forte, e oggi la mia nel continuare il cammino da loro tracciato non può essere da meno.

Siamo la metà dell'universo…

L'uguaglianza, sulla carta, è una realtà, resta però ancora molto da fare per concretizzarla nei diversi ambiti, da quelli economici a quelli della rappresentanza politica, nei salari, nelle rendite pensionistiche e nella conciliazione. Nel Parlamento ticinese la quota femminile è del 24%, nel Consiglio di Stato non è presente nessuna donna e per quanto riguarda gli incarichi dirigenziali, le donne troppo spesso si vedono escluse. Nonostante il buon livello di formazione le donne, ancora oggi, considerando anche il lavoro casalingo, di cura dei figli e di altri famigliari bisognosi, lavorano di più e guadagnano meno degli uomini. Impegnarsi per le pari opportunità significa soprattutto creare strutture e basi legali che consentano la conciliazione armoniosa tra lavoro e famiglia per uomini e donne e permettano di combattere le disparità salariali. Sono convinta che vale la pena farlo: è una grande ricchezza per tutta la società avere donne preparate, competenti e desiderose di mettersi alla prova; ricchezza che non può essere sprecata, ma deve invece essere valorizzata.

... e diciamo fermamente: No alla violenza sulle donne!

L'altro "cantiere aperto" per raggiungere anche di fatto le pari opportunità è la lotta contro la violenza sulle donne, troppo spesso nascosta e negata, troppo poco denunciata. È necessario che la politica prenda consapevolezza dell'ampiezza del fenomeno, affinchè siano potenziate le misure di protezione per le vittime, vengano realmente puniti gli autori e siano previste misure di riabilitazione per chi usa la violenza. Il rischio per le donne di subire violenza è maggiore nei contesti conosciuti, tra cui la famiglia. Il fenomeno è trasversale a tutte le classi sociali, indipendentemente dalla formazione degli autori e colpisce sia le donne svizzere che quelle straniere. È pretestuoso - anche se forse demagogicamente più pagante - circoscrivere il fenomeno alla sola popolazione straniera in quanto impedisce di prendere in considerazione il fenomeno nella sua reale gravità e sottace l'isolamento nel quale le vittime vivono questa sofferenza.
Gina La Mantia, www.ginalamantia.ch, PS-Ticino